Meno pesci nei mari italiani

prodotti ittici 441

Meno pesci nei mari italiani, è l’allarme lanciato dal dossier Fish Dependence Day, presentato da Nef (New Economics Foundation) e Ocean2012, che ha anche evidenziato come ciò costringerà sempre di più il nostro paese a dipendere dalle importazioni.

Infatti, gia nell’ultimo periodo queste ultime sono aumentate del 37%, anche se questo problema non sembra riguardare solo l’Italia, ma anche altri paesi, come Francia e Spagna.

La causa di questa situazione così critica sarebbe da attribuire all’eccessivo sfruttamento dei nostri mari, che non concede ai pesci il tempo necessario per riprodursi e crescere, motivo per cui Coldiretti ImpresaPesca ha suggerito di fermare la pesca per quattro mesi sulla fascia costiera e bloccare le attività delle imprese per 30 o 60 giorni.

Non sembra essere della stessa opinione, invece, il presidente Federcoopesca-Confcooperative, Massimo Coccia, che sostiene che sia eccessivo parlare di allarmismo, dal momento che, secondo quest’ultimo, il motivo dell’aumento delle importazioni dei prodotti ittici sarebbe da attribuire alla diminuzione del numero dei pescatori e delle barche.


Lascia un Commento