10 regole per una corretta raccolta differenziata

raccolta differenziata 231

In occasione della 1/a giornata nazionale del riciclo e della raccolta differenziata di qualità, che si è svolta sabato 2 ottobre in 20 città italiane, il ministero dell’Ambiente e il Consorzio nazionale imballaggi (Conai) hanno deciso di dare 10 regole di base da seguire per una corretta differenziata.

In Italia, infatti, anche se il numero delle persone che riciclano i propri rifiuti sta crescendo non sempre questa attività è svolta nei migliori dei modi, con la conseguenza di rendere tutto ciò quasi inutile, quando, invece, basterebbe solo applicare dei piccoli e semplici accorgimenti.

Al riguardo, il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, ha affermato: ‘la raccolta differenziata è il punto di partenza essenziale di un corretto ciclo di smaltimento dei rifiuti che, nella loro quasi totalità, non sono uno scarto ma una risorsa che può essere utilizzata come materia prima per realizzare nuovi oggetti o come fonte di energia’.

Ecco le 10 regole d’oro del Consorzio nazionale imballaggi-Conai per una raccolta differenziata di qualità:
1) Separa correttamente gli imballaggi in base al materiale di cui sono fatti e mettili nell’apposito contenitore per la raccolta differenziata.
2) Schiaccia lattine e bottiglie di plastica richiudendole poi con il tappo. Comprimi carta e cartone.
3) Dividi, quando è possibile, gli imballaggi composti da più materiali, ad esempio i contenitori di plastica delle merendine dalla vaschetta di cartone oppure i barattoli di vetro dal tappo di metallo.
4) Togli gli scarti e i residui di cibo dagli imballaggi prima di metterli nei contenitori per la raccolta differenziata.
5) Sappi che la carta sporca (di cibo come i cartoni della pizza, di terra, di sostanze velenose come solventi o vernici),i fazzoletti usati e gli scontrini non vanno nel contenitore della carta.
6) Fai attenzione a non mettere nel contenitore del vetro oggetti in ceramica, porcellana, specchi e lampadine.
7) Riconosci e conferisci correttamente gli imballaggi in alluminio. Oltre alle più note lattine per bevande, separa anche vaschette e scatolette per il cibo, tubetti, bombolette spray e il foglio sottile per alimenti.
8 ) Riconosci e conferisci correttamente gli imballaggi in acciaio, solitamente riportano le sigle FE o ACC. Le trovi su barattoli per conserve, scatolette del tonno, lattine e bombolette, fustini e secchielli, tappi corona e chiusure di vario tipo per bottiglie e vasetti.
9) Introduci nel contenitore per la raccolta differenziata della plastica tutte le tipologie di imballaggi. Fai attenzione a non introdurre altri oggetti, anche se di plastica, come giocattoli,vasi, piccoli elettrodomestici, articoli di cancelleria e da ufficio.
10) Ricorda che se hai imballaggi in legno li puoi portare alle isole ecologiche comunali attrezzate. Cassette per la frutta e per il vino, piccole cassette per i formaggi, sono tutti imballaggi che possono essere riciclati.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>